Archivio della categoria: ACCOLLO

Accollo del debito futuro restitutorio nascente da sopravvenuta revocatoria del pagamento di crediti all’azienda in caso di cessione: rimessa la questione alle Sezioni Unite

Con ordinanza 21 aprile 2016 n. 8090 viene rimessa alle Sezioni Unite la questione se, e a quali condizioni, la cessione o il conferimento dell’azienda accolli al cessionario o conferitario il debito restitutorio nascente dalla sopravvenuta revocatoria fallimentare del pagamento di crediti aziendali.

In argomento cfr. STEFINI, La Cassazione su accollo “interno” ed “esterno”, in Dir. civ. cont., 25 giugno 2014.

La Cassazione su accollo “interno” ed “esterno”

Anno I, numero I, aprile/giugno 2014

di UMBERTO STEFINI, Professore associato nell’Università di Pavia

Scarica il PDF della nota

Cass., 24 febbraio 2014, n. 4383 torna su un tema affrontato per la prima volta, in un caso analogo, da Cass., 2 dicembre 2011, n. 25863 (in Guida al diritto, 2012, 8, 52, s.m.): la natura giuridica dell’accollo interno, e la possibilità di estendere ad esso i vizi del rapporto “accollato” (nella specie, un debito di interessi non dovuti, in quanto ultralegali ai sensi dell’art. 1284; almeno così dice la sentenza, in modo in realtà approssimativo, trattandosi – sembrerebbe di capire – di un debito per interessi anatocistici fondato sulla capitalizzazione trimestrale dell’interesse passivo, in contrasto con l’art. 1283 c.c., secondo un illegittimo uso negoziale bancario, invalso fino alle note sentenze della Cassazione dagli anni ’90 in avanti: v. per tutte Cass., 11 novembre 1999, n. 12507, in Corr. Giur., 1999, 1485, con nota di Carbone; Cass., 20 febbraio 2003, n. 2593, in Giur. It., 2003, 1399).

Continua a leggere