Archivio della categoria: ECCEZIONE D’INADEMPIMENTO

Buona fede e gravità dell’inadempimento nella «exceptio inadimpleti contractus»

 Anno IV, numero I, gennaio/marzo 2017

di MATTEO PELLINI, Dottorando nell’Università di Genova

Scarica il PDF della Nota

Con la sentenza n. 8912 del 4 maggio 2016 la Cassazione ritorna sul rapporto fra il rimedio dell’eccezione di inadempimento e la risoluzione del contratto, affermando che, nei contratti sinallagmatici, per poter opporre l’eccezione inadimplenti non est adimplendum è necessario che venga accertata la gravità o la rilevanza rispetto all’interesse della controparte, dell’inadempimento del soggetto contro cui viene proposta tale eccezione, in caso contrario l’eccezione non supera il vaglio della buona fede (art. 1460, secondo comma, c.c.).

Continua a leggere