La surroga dell’assicuratore ex art. 1916 c.c.: “terzi responsabili” e “terzi obbligati”

Anno IV, numero IV, ottobre-dicembre 2017

di MATTEO TURCI, dottorando nell’Università di Genova

Scarica il PDF della Nota

Chi sono i “terzi responsabili” verso cui, a norma dell’art 1916 c.c., l’assicuratore può esercitare il suo diritto di surroga? La Cassazione (20740/2016) affronta la questione, domandandosi, in particolare, se la nozione di “terzi responsabili” comprenda o meno quella di “terzi obbligati” (categoria nella quale ricomprendere l’assicuratore del responsabile).

La Corte di Cassazione individua il seguente principio di diritto: “l’assicuratore contro i danni che in esecuzione del contratto abbia indennizzato il proprio assicurato, vittima di un sinistro stradale, ha diritto di surrogarsi ex art. 1916 c.c., non solo nei confronti del responsabile, ma anche nei confronti dell’assicuratore r.c.a. di quello”.

Un breve sguardo sui fatti: in occasione di un sinistro stradale, alcuni veicoli danneggiano le infrastrutture dell’Autostrada A8. Tirrenia Assicurazioni S.p.a. indennizza, quale assicuratrice contro i danni di Società Autostrade S.p.a., tali danni. A valle dell’indennizzo, agisce in surrogazione della propria assicurata nei confronti dei proprietari dei veicoli coinvolti e delle compagnie assicuratrici della RCA di quelli, ritenendo entrambi “terzi responsabili” ai sensi dell’art. 1916 c.c..

Il Tribunale di Roma accoglie la domanda proposta nei confronti dei conducenti dei veicoli, e respinge quella avanzata avverso le rispettive compagnie di assicurazione. Il Tribunale non ritiene che le compagnie assicuratrici della RCA dei danneggianti vadano ricomprese nella nozione di “terzi responsabili” nei cui confronti è esperibile l’azione disciplinata dal 1916 c.c..

La Corte d’Appello conferma la decisione di primo grado, argomentando altresì che l’art. 2055 c.c. che, in caso di sinistro imputabile a più persone, concede al corresponsabile che abbia risarcito integralmente il danneggiato l’azione di regresso solo contro i corresponsabili e non anche contro gli assicuratori di questi.

Nel ricorso per Cassazione Tirrenia Assicurazioni lamenta, in particolare, la violazione dell’art.1916 c.c.: questo istituto è inquadrato dalla ricorrente quale ipotesi di successione a titolo particolare nel diritto, dalla quale discende la legittimatio ad causam che l’art 18 l. 990/1969 (disposizione che trova oggi collocazione nell’art. 144, d.l. 7 settembre 2005, n. 209 – c.d. Codice delle Assicurazioni) accorda alle vittime di un sinistro da circolazione stradale contro gli assicuratori della RC dei responsabili. La ricorrente si ritiene così pienamente legittimata, non solo nei confronti dei danneggianti, ma anche delle rispettive imprese assicuratrici per la RC.

La Cassazione riconosce un triplice scopo alla surrogazione ex art.1916 c.c.: i) evitare l’ingiustificato arricchimento del danneggiato-assicurato che deriverebbe dal cumulo dell’indennizzo con il risarcimento; ii) evitare che il responsabile possa beneficiare indirettamente della copertura assicurativa contro i danni eventualmente stipulata dal danneggiato – altra ipotesi di ingiusto arricchimento – e iii) consentire agli assicuratori di contenere il costo generale dei sinistri e, di riflesso, i premi nelle categorie di rischio omogenee. I giudici di legittimità ritengono che la surrogazione dell’assicuratore disciplinata dall’art. 1916 c.c. realizzi un’ipotesi di successione a titolo particolare nel diritto vantato dall’assicurato nei confronti del terzo responsabile dell’evento dannoso oggetto di copertura assicurativa; l’assicuratore-surrogante subentra, per mezzo di una sostituzione integrale ed omnicomprensiva, in tutti i diritti dell’assicurato-danneggiato verso il terzo responsabile esponendosi, per converso, alle medesime eccezioni che il terzo responsabile avrebbe potuto opporre a quello.

L’idea condivisa dai giudici della Cassazione è che tutte le azioni a disposizione del danneggiato per tutelare i propri diritti verso il responsabile di un danno si trasferiscano insieme ai diritti stessi, in ossequio al principio secondo il quale “il trasferimento di un diritto, per negozio o per legge, comporta il trasferimento delle azioni a tutela di esso previste” (così la motivazione della sentenza in commento). Ne consegue che nel caso di specie il sinistro ha fatto maturare in capo a Società Autostrade due diritti al risarcimento del danno: uno nei confronti dei responsabili e l’altro nei confronti degli assicuratori di quelli. Tirrenia Assicurazioni, surrogante ex 1916 c.c., subentra in entrambi e nelle rispettive azioni a loro tutela.

Nella ricostruzione degli orientamenti giurisprudenziali, il primo precedente è Cass. Civ., Sez. I, 22-12-1976, n. 4710 (inedita): uno studente si era infortunato in orario scolastico ed era stato indennizzato da un assicuratore sociale, essendo la vittima beneficiaria di una polizza contro gli infortuni, l’assicuratore sociale agiva ex 1916 c.c., chiedendo all’assicuratore contro gli infortuni la rifusione di quanto pagato in via di indennizzo, sostenendo di aver acquisito tale diritto in forza della surrogazione. Giunta in Cassazione la vicenda fu così risolta: i giudici di legittimità affermarono che il diritto di surrogazione dell’assicuratore che ha pagato l’indennità può essere esercitato solo verso i “terzi responsabili”, intendendo per tali, non genericamente i “terzi obbligati”, ma esclusivamente i soggetti (estranei al rapporto assicurativo) tenuti a rispondere di un evento a loro imputabile per legge, per contratto o per fatto illecito, o a persone del cui operato debbano rispondere. In particolare il diritto di surrogazione non può essere esercitato contro l’assicurazione del terzo responsabile, poiché questi è tenuto a sollevare il danneggiato dalle conseguenze dell’infortunio occorsogli, non perché il relativo accadimento sia ascrivibile ad un fatto proprio, ma solo perché ha assunto il rischio dell’accadimento stesso. Le previsioni di legge, infatti, attribuiscono all’assicurazione la titolarità attiva ma non quella passiva dell’azione in surrogazione.

In anni più recenti la Cassazione (7218/1991) è intervenuta su un caso di incidente stradale; il Tribunale aveva condannato in solido il responsabile e la propria assicurazione a risarcire il danneggiato. L’assicurazione, in appello, aveva dedotto di aver già corrisposto tali somme, nei limiti del massimale, alla società di assicurazione contro gli infortuni del danneggiato che l’aveva pretesa nei suoi confronti invocando la surroga ex art. 1916 c.c. per avere versato somma maggiore al danneggiato. Secondo i giudici di appello l’assicuratore per la R.C. non rientra tra i soggetti verso cui è possibile far valere il diritto di surrogazione ex art. 1916 c.c., non gravando sull’assicurazione del responsabile l’obbligo di corrispondere l’indennizzo all’assicuratore contro gli infortuni del danneggiato piuttosto che al danneggiato stesso.

La Cassazione conferma questo ragionamento, ribadendo che ai fini della surrogazione ex art. 1916 c.c. il titolo della responsabilità del terzo deve comunque ricollegarsi all’evento oggetto dell’assicurazione, nel senso che la causazione di esso od il suo accadimento sia imputabile al soggetto chiamato in responsabilità o a persone del cui operato egli deve rispondere. Va esclusa, dunque, l’azione in surroga verso l’assicuratore del terzo responsabile poiché solo al fatto di quest’ultimo è ascrivibile l’evento lesivo, mentre il suo assicuratore si fa carico solo del rischio del suo accadimento senza divenire per ciò coautore ne responsabile.

Ancor più recente è Cass. 20481/2014: in una fattispecie di assicurazione per furto di veicolo si riafferma il principio per cui la surroga ex art. 1916 c.c. realizza un’ipotesi di successione a titolo particolare dell’assicuratore che abbia pagato l’indennità nei diritti dell’assicurato verso il terzo responsabile. La Suprema Corte – richiamando Cass. 4710/1976 – precisa che il terzo responsabile del danno di cui all’art. 1916 c.c. non si identifica in colui il quale è tenuto ad una prestazione corrispondente a quella effettuata in via di indennizzo dall’assicuratore. Indica invece i soggetti estranei al rapporto assicurativo che per contratto, fatto illecito o altra legittima causa sono tenuti a rispondere di un evento imputabile ad essi od a presone del cui operato devono rispondere. Se ne ricava che un assicuratore può surrogarsi al proprio assicurato (cui abbia corrisposto l’indennizzo) e agire contro il terzo responsabile, non solo quando il titolo della responsabilità del terzo deriva da fatto illecito, essendo sufficiente una responsabilità che si colleghi all’evento oggetto dell’assicurazione nel senso che il suo accadimento o causazione è a lui imputabile.

In dottrina si accetta l’idea che al verificarsi di un evento dannoso imputabile al fatto di un terzo e coperto da un contratto di assicurazione contro i danni, maturano in capo al danneggiato-assicurato due diritti di credito distinti ed egualmente suscettibili di eliminare le conseguenze sfavorevoli patite a causa del evento dannoso: i) il diritto al risarcimento del danno alla stregua degli art. 2043 c.c. e ii) il diritto al pagamento dell’indennizzo ex art. 1882 c.c. (in tale senso E. Bottiglieri, Dell’assicurazione contro i danni, in Il Codice Civile – Commentario, fondato da P. Schlesinger, diretto da F. D. Busnelli, Milano, 2010, p. 239; negli stessi termini anche M. Rossetti, Il Diritto delle assicurazioni, vol.2: le assicurazioni contro i danni, Padova, 2011, p. 69). Se si ammettesse il cumulo di questi due crediti il danneggiato-assicurato ricaverebbe un interesse positivo al verificarsi del sinistro, a valle del quale si verrebbe a trovare in una situazione economicamente più favorevole che non a monte dello stesso: il contratto di assicurazione contro i danni si avvicinerebbe alla scommessa (così osserva M. Rossetti, Il Diritto delle assicurazioni, cit., p. 69).

Per converso, negare il cumulo consentirebbe al responsabile di un evento dannoso di beneficiare dell’assicurazione contro i danni eventualmente stipulata dal danneggiato, sollevandolo dai suoi obblighi risarcitori ed incentivando la commissione di fatti illeciti (così ancora M. Rossetti, Il Diritto delle assicurazioni, cit., p. 69-70).

La surroga (o surrogazione) dell’assicuratore è lo strumento che può risolver questo (apparente) impasse, garantendo il rispetto del principio indennitario espresso dall’art. 1905 c.c., vero fondamento del contratto di assicurazione contro i danni (R. Calvo, Il contratto di assicurazione, in Trattato della responsabilità civile a cura di M. Franzoni, Milano, 2012, p. 141).

Un passo indietro. La surrogazione nasce sul terreno convenzionale (la tradizione più risalente è quella legata all’assicurazione marittima, come osserva S. Landini, Il contratto di assicurazione, in V. Roppo – A. M. Benedetti (diretto da), Trattato dei contratti, V, Mercati regolati, Giuffrè, 2014, p. 547), sotto forma di accordo tra assicurato ed assicuratore per la cessione dal primo al secondo dei diritti da questo vantati verso i terzi responsabili di un danno coperto dal contratto di assicurazione (l’osservazione di C. Vivante, Del contratto di assicurazione, Torino, 1936, p. 263 è fatta propria da E. Bottiglieri, Dell’assicurazione contro i danni, cit., p. 241).

La dottrina fu presto portata a ritenere la surrogazione una “naturale conseguenza del pagamento dell’indennità”, necessaria a i) evitare che l’assicurato indennizzato dall’assicuratore potesse reclamare una seconda indennità e ii) per garantire che il responsabile non andasse immune dalla propria responsabilità (E. Bottiglieri, Dell’assicurazione contro i danni, cit., p. 241).

Sebbene si riconoscesse che l’assicuratore fosse surrogato in virtù della legge, era dubbia la configurabilità di un’ipotesi di surrogazione legale, mancando i presupposti di questa (l’assicuratore è obbligato in forza di un contratto che prescinde dai rapporti tra l’assicurato ed i terzi).

L’azione di regresso dell’assicuratore in proprio quale danneggiato per il fatto di aver dovuto corrispondere l’indennizzo poneva intuibili problemi di prova del danno e della colpa (in questi termini A. Ramella, Trattato delle assicurazioni private e sociali, Napoli, 1934, p. 254), inoltre il danno cagionato dal terzo all’assicuratore sarebbe meramente indiretto e, pertanto, non risarcibile vista la limitazione di cui all’art. 1223 c.c. (così S. Landini, Il contratto di assicurazione, cit., p. 548-549) La soluzione convenzionale prevedeva la corresponsione dell’indennizzo subordinata ad una quietanza che dichiarasse il diritto alla surrogazione o la cessione dei diritti. Del resto la validità di tali previsioni riconosciuta dalla giurisprudenza non sottraeva le stesse da regolamentazioni differenziate (surrogazione e cessione del credito prime, ma non sole, soluzioni adottate).

Il legislatore intervenne introducendo una nuova ipotesi di surrogazione legale con il secondo comma dell’art. 440 del Codice di Commercio del 1882: “L’assicuratore che paga la somma assicurata è surrogato nei diritti dell’assicurato verso il debitore, colla riserva indicata nell’art. 438 in caso di risarcimento parziale” (la disposizione adottata dal legislatore del 1882 ricalca il corrispondente articolo del Codice Germanico).

Tale disposizione è confluita nel odierno Codice Civile che disciplina la surrogazione dell’assicuratore nel citato art. 1916 con una formulazione lessicale rinnovata solo in minima parte. Sebbene prevalga in dottrina l’orientamento che considera la surroga dell’assicuratore un’attuazione del principio indennitario (come ricorda anche S. Landini, Il contratto di assicurazione, cit., p. 549), pur non mancando di evidenziare funzioni accessorie dell’istituto quali la riduzione dei costi di premio (come sottolinea E. Bottiglieri, Dell’assicurazione contro i danni, cit., p. 243) e la necessità di punire gli autori di illeciti civili (come osserva invece M. Rossetti, Il Diritto delle assicurazioni, cit., p. 70-71); non è priva di autorevole riferimento anche la diversa corrente che riconduce la surroga ad una mera scelta di politica legislativa (paradigmatica l’espressione di tale impostazione resa da Cass. Civ., 06-12-2004, n. 22883: “…è discusso se la finalità della surroga sia la tutela del principio indennitario e, cioè, evitare che il danneggiato possa conseguire un doppio indennizzo oppure la tutela del principio di responsabilità, e, cioè, impedire che il terzo responsabile del danno si avvantaggi dell’assicurazione… è stato acutamente osservato che il riconoscimento del diritto di surroga dell’assicuratore (…) è in sostanza un problema di politica legislativa ed in effetti  tale diritto si riflette sul calcolo del premio, traducendosi in un vantaggio per la massa degli assicurati…”), non vedendo la necessità di negare il cumulo tra indennizzo e risarcimento sul piano strettamente normativo, avendo le due obbligazioni diversa fonte, il fatto illecito l’una, il contratto di assicurazione contro i danni l’altra (si veda in proposito V. Salandra, Commentario del Codice civile, a cura di A. Scialoja e G. Branca, Bologna-Roma, 1948, p. 345-346; tale ricostruzione è menzionata anche in E. Bottiglieri, Dell’assicurazione contro i danni, cit., p. 243 e in S. Landini, Il contratto di assicurazione, cit., p. 548); e potendosi individuare nel pagamento del premio il corrispettivo dell’indennizzo dovuto in caso di sinistro previsto dalle condizioni di polizza (così Donati, Trattato del diritto delle assicurazioni private, II, Milano, 1954, p. 466; La Torre, Il punto sulla surrogazione dell’assicuratore, in Assicurazioni, 1978, I, p. 341; Volpe Putzolu, Le assicurazioni, produzione e distribuzione, Bologna, 1992, p. 415 e, ancora, Donati-Volpe Putzolu, Manuale di diritto delle assicurazioni, Milano, 1999, p. 162;).

Quanto alla natura giuridica della surrogazione, la dottrina è oggi concorde nel ritenerla essenzialmente un ipotesi di successione a titolo particolare dell’assicuratore nei diritti vantati dal suo assicurato verso i terzi responsabili (la più recente constatazione del concorde avviso della dottrina è in S. Landini, Il contratto di assicurazione, cit., p. 549), con un’impostazione che ha trovato ampio riconoscimento anche nella giurisprudenza di legittimità (si vedano in proposito Cass. Civ., 20-02-1973, n. 510; Cass. Civ., 24-06-1994, n. 6091; Cass. Civ., 24-11-2005, n. 24806 e Cass. Civ. Sez. III, 29-09-2014, n. 20481).

Tale impostazione muove dal presupposto che assicuratore e terzo responsabile non sono coobbligati verso il danneggiato-assicurato e riconduce la surroga ex 1916 c.c. ad un’ipotesi di surroga legale ex 1203 c.c., rinvenendo in essa uno degli “altri casi stabiliti dalla legge” del n. 5 o, più di rado, riconnettendola alla previsione del n. 3 (in questi termini Bianca, Diritto Civile, IV, Milano, 1993, p. 355; si veda anche M. Rossetti, Il Diritto delle assicurazioni, cit., p. 71-72; ma anche un obiter dictum in Cass., S.U., 29-09-1997, n. 9554, in Foro It. Rep. 1997, n. 123. Sul punto si segnala, infine, il contrario avviso di S. Landini, Il contratto di assicurazione, cit., p. 549 secondo cui non sussistono i requisiti previsti dal 1203 c.c., in particolare poiché l’assicuratore paga una prestazione diversa rispetto a quella del responsabile: indennizza e non risarcisce).

Sono state infatti superate le opinioni, accumunate unicamente dal rifiuto dell’affinità tra surroga dell’assicuratore ex 1916 c.c. e surrogazione legale ex 1203 c.c. (in generale La Torre, Scritti di diritto assicurativo, Milano, 1979, p. 170), che hanno visto nella surrogazione assicurativa una particolare ipotesi di successione (dell’assicuratore) nel credito (dell’assicurato) verso il responsabile del danno (così De Gregorio-Fanelli-Latorre, Il Contratto di assicurazione, Milano, 1987, p. 140 ed anche Scalfi, Manuale delle assicurazioni private, Milano, 1994, p. 170; in giurisprudenza si notino Cass. Civ. 14-03-2006, n. 5441; Cass. Civ. 05-05-2003, n. 6797 e Cass. Civ. 07-08-1996, n. 7247), così come quelle che hanno evocato la figura della cessione necessaria di credito o che hanno richiamato l’azione surrogatoria ex 2900 c.c. (il pericolum in mora non è però requisito necessario nell’ipotesi disciplinata dal 1916 c.c.) o, infine, i tentativi di sostenere l’esistenza di un autonomo diritto di credito dell’assicuratore (ancora La Torre, Il punto sulla surrogazione dell’assicuratore, cit., p. 341; Donati, Trattato del diritto delle assicurazioni private, cit., p. 470), che mal si coordinerebbe con l’opponibilità a questo delle medesime eccezioni opponibili all’assicurato, che porta quindi ad escludere la possibilità che si sia alla presenza di un diritto acquisito a titolo originario.

In questo quadro la sentenza 20740/2016 si pone in continuità con la dottrina prevalente e con la giurisprudenza in materia di surrogazione dell’assicuratore, risultando di particolare interesse laddove affronta la questione relativa all’estensione della nozione di “terzi responsabili” ai sensi del terzo comma dell’art. 1916 c.c., risolvendola con impostazione che appare doversi condividere.

Una lettura superficiale del principio stabilito da Cass. 20740/2016 potrebbe, erroneamente, lasciar intravedere un cambio di orientamento del Supremo Giudice che, distaccandosi dal principio enunciato in Cass. 4710/1976 (“il diritto di surrogazione dell’assicuratore che ha pagato l’indennità può essere esercitato solo verso i terzi responsabili. Intendendo per tali, non genericamente i terzi obbligati, ma esclusivamente i soggetti estranei al rapporto assicurativo tenuti a rispondere di un evento (concretante il rischio assicurato) imputabile per contratto, per fatto illecito o per altra legittima causa di obbligazione”), amplierebbe la portata della nozione di “terzi responsabili” fino a sfumarla nella nozione di “terzi obbligati”. Al contrario, la decisione in commento fornisce un’interpretazione, a quarant’anni di distanza, di tale decisione. Viene infatti confermato come di norma l’assicuratore del danneggiato non abbia diritto a surrogarsi nei confronti dell’assicuratore del responsabile essendo il danneggiato stesso a non poter vantare diritti verso quest’ultimo, venendo quindi a mancare il diritto da trasferire.

Ben potendo essere la legge “altra legittima causa di obbligazione”, i giudici di legittimità non hanno dubbi nel riconoscere che, laddove sia questa ad attribuire alla vittima dell’illecito un diritto di credito esercitabile direttamente nei confronti dell’assicuratore del responsabile, come è nel caso di specie (oltre al caso in esame dei danni derivanti dalla circolazione dei veicoli o natanti di cui, oggi, agli art. 144, d.lgs. n. 209/2005 si veda l’esempio dei danni conseguenti all’esercizio della caccia ex art. 12, comma 10, l. 157/1992) l’assicuratore del responsabile non è più soggetto estraneo al rapporto obbligatorio, divenendo uno dei soggetti che devono risarcire il danneggiato, ovvero un debitore di questi. Ne consegue che con il trasferimento, per effetto di surrogazione, dei crediti del danneggiato in capo al proprio assicuratore, l’assicuratore del responsabile diventa debitore dell’assicuratore del danneggiato.

 

Questa Nota può essere così citata:

M. TURCI, “Terzi responsabili” e “terzi obbligati”: la surroga dell’assicuratore (art. 1916 c.c.), in Dir. civ. cont., 11 ottobre 2017