Noterelle “a caldo” su Cassazione 11504/2017: dal tramonto dell’assegno divorzile a una nuova alba del diritto agli alimenti?

Anno III, Numero II, aprile/giugno 2017

di ROBERTO NATOLI, Professore associato nell’Università di Palermo

Scarica il PDF della Nota

Nell’autunno del 1990 gli italiani erano ancora reduci dalle notti magiche e avevano conosciuto gli occhi spiritati di Totò Schillaci, il mondo si avviava a un nuovo ordine dopo il crollo del muro di Berlino e la Cassazione civile metteva un punto fermo sul tema dell’interpretazione dell’art. 5 della legge 898/1970, da poco riformato con le modifiche apportate dalla l. 74 del 1987.

In quella sentenza si affermava un principio destinato a diventare, per quasi un quarto di secolo, un caposaldo dei giudizi divorzili: quello per cui «il presupposto per concedere l’assegno è costituito dall’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente (tenendo conto non solo dei suoi redditi, ma anche dei cespiti patrimoniali e delle altre utilità di cui può disporre) a conservare un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio, senza che sia necessario uno stato di bisogno dell’avente diritto, il quale può essere anche economicamente autosufficiente»: il tenore di vita precedentemente goduto dal coniuge richiedente in costanza di matrimonio diventava così, nel diritto vivente, il parametro di riferimento per stabilire non già il quantum, ma, ancor prima, l’an dell’assegno divorzile.

Nei decenni successivi il mito di Schillaci naufragò nell’isola dei famosi, il mondo cambiò ordine ma il parametro del tenore di vita goduto in costanza di matrimonio restò il mantra dei giudizi divorzili, dal quale la Cassazione non volle, almeno fino alla sentenza in commento, prendere espressamente congedo.

Non che fossero mancati i sintomi di insofferenza verso questo mantra; sintomi che trovavano sfogo — e nella giurisprudenza di merito, e in quella di legittimità — in un proliferare di avverbi e aggettivi volti a depotenziare la portata del principio: ed infatti negli ultimi anni si è assistito, per un verso, alla precisazione che il tenore di vita precedentemente goduto andava riguardato come un criterio solo tendenziale da raggiungere (ad esempio, con riguardo all’assegno di separazione, Cass. 11/7/2013, n. 17199, in Dir. fam. pers., 2014, 60: “la conservazione di un tenore di vita analogo a quello goduto nel corso della convivenza, che costituisce la finalità precipua dell’assegno di cui all’art. 156 c.c., prevede il riconoscimento in sede di separazione coniugale, ove uno dei coniugi non disponga di redditi propri sufficienti a consentirgli il mantenimento di tale condizione e sussista una situazione di disparità economica con l’altro coniuge, rappresenta un obbiettivo meramente tendenziale, non sempre suscettibile di piena realizzazione, avuto riguardo agli effetti economici negativi della separazione, la quale, facendo venir meno i vantaggi derivanti dall’appartenenza al consorzio familiare, si riflette anche sulle possibilità economiche del coniuge onerato dall’assegno»; ma v. pure Appello Palermo 22/12/2015, in questa Rivista); per altro verso, al chiarimento per cui, fondandosi l’assegno divorzile su un obbligo di solidarietà postconiugale, lo stesso si estinguesse, senza possibilità di reviviscenza, in caso di nuova relazione sentimentale da parte del coniuge richiedente (così, ad esempio, Cass. 29/9/2016, n. 19345).

Ma i sintomi di insofferenza rispetto a un parametro ormai sentito come antistorico non avevano mai trovato uno sfogo verbale così manifesto come quello contenuto nella sentenza in commento, che giunge al punto di affermare che «a distanza di quasi ventisette anni» l’orientamento fondato sul precedente tenore di vita è così divenuto poco attuale da esonerare il giudice di legittimità che se ne discosti dall’onere di rinviare, ai sensi dell’art. 374, comma III, c.p.c., la questione alle Sezioni unite.

La pronuncia della prima sezione della Cassazione si segnala, dunque, non solo o non tanto per l’esito cui giunge, tutto sommato prevedibile e coerente con la recente evoluzione giurisprudenziale; quanto, soprattutto, per la risoluta determinazione con cui vi giunge: poiché vi giunge con un periodare all’evidenza assai ponderato e che si fa carico preventivo di rispondere alle varie obiezioni che si potrebbero rivolgere alla tesi sostenuta; poiché vi giunge con un fraseggio estremamente chiaro e perciò difficilmente equivocabile, nel quale i principi di diritto sono nitidamente formulati. Principi di diritto — è assai importante notare — rivolti non al giudice a quo, poiché si tratta di una cassazione senza rinvio, ma, a mo’ di pronuncia delle sezioni unite, a tutti i giudici, in primo luogo di merito, dei giudizi divorzili.

La sentenza procede lungo un iter logico molto serrato, che principia dalla chiara distinzione tra presupposti del riconoscimento dell’assegno al coniuge richiedente (an debeatur) e presupposti della sua quantificazione (quantum debeatur): la Cassazione osserva, in senso apertamente critico rispetto all’orientamento abbandonato, che tale necessaria distinzione, se il parametro del tenore di vita precedentemente goduto è attratto già nel giudizio sull’an debeatur, inevitabilmente, e illegittimamente, sbiadisce. L’estinzione del vincolo giuridico contratto con il matrimonio, e che con la separazione s’è soltanto affievolito, non può sopravvivere allorché si discuta delle conseguenze patrimoniali del divorzio: così facendo, nelle parole della Cassazione, quel vincolo giuridico ormai estintosi finisce illegittimamente per essere ripristinato, «sia pure limitatamente alla dimensione economica del “tenore di vita matrimoniale” ivi condotto — in una indebita prospettiva, per così di dire, di “ultrattività” del vincolo matrimoniale».

La ratio dell’art. 5, comma VI, l. 898/1970 non riposa, dunque, sulla tutela della persona come parte di una comunità di vita ormai disciolta, ma sulla tutela della persona singola, dalla cui vita sociale è per definizione escluso l’(ormai) ex coniuge; persona singola tenuta al rispetto di un principio, qual è quello di autoresponsabilità, che collide con qualsivoglia riferimento patrimoniale, sotto il profilo della futura vita personale, alla precedente vita coniugale: il divorzio — infatti — «è frutto di scelte definitive che ineriscono alla dimensione della libertà della persona ed implicano per ciò stesso l’accettazione da parte di ciascuno degli ex coniugi (…) delle relative conseguenze anche economiche».

Ciò premesso in linea di principio, il ragionamento successivo procede di conseguenza, individuando nel parametro dell’indipendenza economica (anche potenziale) della parte richiedente il criterio ostativo alla stessa sussistenza dell’an dell’assegno. Ed è qui che l’argomentare della Cassazione si fa più denso e anche innovativo. Osservano i giudici di legittimità, infatti, che un argomento in favore del requisito della non autosufficienza economica dell’ex coniuge richiedente si possa ritrarre, in via analogica, dal disposto dell’art. 337 septies, il quale, com’è noto, subordina il sorgere dell’assegno periodico in favore dei figli maggiorenni e a carico del genitore alla non indipendenza economica del richiedente. Questo riferimento normativo è valorizzato, nella sentenza in commento, per assegnare un significato alla “adeguatezza dei mezzi” menzionata nell’art. 5, comma VI, l. 898/1970. In altre parole, la Cassazione — non senza aver osservato la fondamentale differenza di status tra figlio e coniuge: tendenzialmente immutevole il primo, mutevole (proprio in caso di divorzio) il secondo — reputa possibile un ragionamento (definito analogico ma, più che altro, a fortiori) di questo tipo: se il genitore (che tale è per sempre, salvo azioni di disconoscimento) è tenuto a corrispondere un assegno al figlio finché questi non raggiunga l’autosufficienza economica, a maggior ragione ad analogo criterio deve essere informato il presupposto per il sorgere dell’assegno periodico in favore dell’ex coniuge, che ha ormai perso lo status discendente dal matrimonio ed ha riacquisito lo status di “persona singola”. Entrambe le disposizioni sono, infatti, espressione del medesimo principio di autoresponsabilità economica: principio appartenente, come ricorda la sentenza in commento, al contesto giuridico europeo, lì dove, nelle legislazioni di molti stati dell’Unione, il diritto all’assegno è contemplato solo in via eccezionale e in presenza di specifiche e documentate ragioni di solidarietà.

Il terzo e ultimo passaggio della lunga motivazione della sentenza è, a questo punto, necessitato, poiché è chiaro che senza chiarire cosa debba intendersi per (non) autosufficienza economica il discorso resterebbe al di qua del guado. La Cassazione oltrepassa il guado, e individua alcuni indici rivelatori di autosufficienza economica, come tali ostativi al sorgere del diritto all’assegno periodico: lo fa elencando, in modo dichiaratamente non esaustivo, i) il possesso di redditi di qualsiasi specie; ii) il possesso di cespiti patrimoniali mobiliari e immobiliari; iii) le capacità e le possibilità effettive di lavoro personale; iv) la stabile disponibilità di una casa di abitazione.

A conclusione di questa breve lettura “a caldo” della pronuncia della prima sezione della Cassazione civile, destinata certamente a segnare un solco nel terreno della giurisprudenza in materia, sia consentita una riflessione più ampia, per così dire “di sistema”. La Cassazione non lo dice, ma il concetto delineato di (non) autosufficienza economica molto rassomiglia al presupposto codicistico del diritto agli alimenti, com’è noto riconosciuto solo a “chi versa in istato di bisogno e non è in grado di provvedere al proprio mantenimento” (art. 438 c.c.). Se così fosse, si aprirebbe uno scenario di non poco momento, perché — se l’istituto degli alimenti, sostanzialmente negletto nella prassi, guadagnasse nuova vitalità — occorrerebbe raccordare l’elenco dei soggetti obbligati di cui all’art. 433 c.c. (che vede campeggiare il coniuge al primo posto e, solo a seguire, i prossimi congiunti) con l’obbligo di corrispondere un assegno periodico gravante, secondo la legge sul divorzio, su chi coniuge non è più: e ciò, secondo la Cassazione recente, in presenza di circostanze molto simili, se non del tutto coincidenti, con quelle che legittimano il diritto codicistico agli alimenti.

———————————————-

Questa Nota può essere così citata:

R. NATOLI, Noterelle “a caldo” su Cassazione 11504/2017: dal tramonto dell’assegno divorzile a una nuova alba del diritto agli alimenti?, in Dir. civ. cont., 12 maggio 2017