La Cassazione sulla «rinuncia» al diritto di servitù (e sulla opponibilità della stessa)

La Cassazione con sentenza 30 maggio 2016 n. 11158 ha stabilito che la rinuncia all’usucapione della servitù di passaggio è opponibile anche al nuovo acquirente del fondo dominante.

In primo grado, il Tribunale di Pordenone aveva dichiarato costituita per intervenuta usucapione la suddetta servitù di passaggio. La Corte d’appello di Trieste aveva rigettato l’appello sottolineando che la rinuncia al diritto di servitù di passaggio, effettuata dal precedente proprietario del terreno, non fosse opponibile al nuovo proprietario del fondo dominante in assenza di comunicazione o conoscenza o prova della relativa trascrizione.

La Suprema Corte ritiene invece che la rinuncia per iscritto all’usucapione della servitù di passaggio, fatta dal proprietario del fondo dominante, il quale dopo avere esercitato il possesso ultraventennale della servitù esprima al proprietario del fondo servente la volontà di non avvalersi della causa di acquisto del diritto reale minore a titolo originario, maturata a favore del proprio fondo, rileva di per sé, non potendo la sua efficacia negoziale essere fatta dipendere né dall’avvenuta comunicazione al successivo acquirente (che ancora non c’era: la rinuncia al diritto di passaggio proveniva infatti dall’allora legittimo proprietario del fondo dominante a vantaggio del quale era maturata l’usucapione per effetto del possesso ultraventennale, prima che questi alienasse il terreno), né dall’osservanza dell’onere della trascrizione (non potendo evidentemente esigersi una trascrizione della rinuncia quando mancava la trascrizione dello stesso atto di acquisto della servitù, non essendo stata la relativa usucapione ancora giudizialmente accertata).