L’osservanza da parte della struttura ospedaliera della normativa per le prestazioni di emergenza non è sufficiente ad escludere la responsabilità

Secondo Cass. 19 ottobre 2015 n. 21090, Rel. De Stefano, in materia di responsabilità per attività medico-chirurgica, l’osservanza da parte di una struttura ospedaliera – pubblica o privata – delle dotazioni ed istruzioni previste dalla normativa vigente per le prestazioni di emergenza non è sufficiente ad escludere la responsabilità per i danni subiti da un paziente in conseguenza della loro esecuzione, essendo comunque necessaria l’osservanza delle comuni regole di diligenza e prudenza.

Sulla “complicanza” come causa di impossibilità non imputabile ex art. 1218 c.c. e sulla relativa prova cfr. M. FACCIOLI, La rilevanza del concetto medico-legale di «complicanze» nei giudizi di responsabilità medica, in Dir. civ. cont., 18 ottobre 2015