Danno non patrimoniale da immissioni anche in assenza di danno biologico

Con sentenza 16 ottobre 2015 n. 20927, Rel Rubino, la Cassazione – confermando quanto statuito in una recente pronuncia e discostandosi da un orientamento precedente – precisa che in caso di immissioni che superino la soglia di tollerabilità, è dovuto il risarcimento del danno alla persona anche in assenza di un pregiudizio alla salute, a condizione che risulti leso il diritto al normale svolgimento della vita familiare all’interno della propria casa di abitazione e alla libera e piena esplicazione delle proprie abitudini di vita quotidiane, anche in ragione del rilievo che al diritto al rispetto della propria vita privata e familiare viene attribuito dall’art. 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

In argomento cfr. S. GATTI, Danno non patrimoniale da infiltrazioni: risarcibile in quanto conseguenza della lesione del diritto (inviolabile) di proprietà oppure della lesione di un diritto ulteriore?, in Dir. civ. cont., 7 luglio 2015