Il pubblico impiegato risponde nei confronti del terzo il cui interesse legittimo sia stato danneggiato

Secondo Cass. 31 luglio 2015 n. 16276, Rel. Rossetti “Il pubblico impiegato che abbia adottato o concorso alla formazione, nell’esercizio delle proprie funzioni, di atti amministrativi lesivi di interessi legittimi, ne risponde nei confronti del terzo danneggiato dal provvedimento, non ostandovi il disposto dell’art. 23, D.P.R. n. 3 del 1957, il quale, interpretato in modo costituzionalmente orientato, non esclude la responsabilità del pubblico dipendente per lesione di interessi legittimi”.